Senigallia Network. Prime risultanze della CUSTOMER SATISFACTION 2014

Il primo, cs2più importante, è che chi vende un prodotto o un servizio (negozio, albergo, ristorante, stabilimento balneare, ecc.) sorride poco o addirittura non sorride affatto. Si limita, più o meno professionalmente, a svolgere il suo compito secondo l’esperienza e le abitudini acquisite nel tempo che non vengono messe in discussione né dal titolare, né, men che meno, dal diretto interessato (scarsa propensione all’autodiagnosi).

 

 

cs3Secondo, si tollera sempre meno fare la spesa in un supermarket dove la cassiera svolge meccanicamente il suo lavoro senza mai guardarti in faccia (clienti sempre più sensibili e ricettivi). E’ ancora molto lontana la mentalità secondo cui chi esce da un negozio (o da altra struttura) dovrebbe sentirsi più felice (si, più felice) di quando vi è entrato.

 

 

Presto però acquisiranno valore competitivo quegli esercizi che sapranno distinguersi offrendo alta qualità e peculiarità di prodotto, di servizio e, udite udite, di relazione.

cs1

Annunci

Informazioni su ALBERTO DI CAPUA

Formatore e Facilitatore di Sviluppo Locale. Nello specifico, mi occupo di Destination Management, ovvero progetto Reti Turistiche e ne formo gli operatori (Network Manager, Operatori di strutture Extraricettive, dell'arte bianca, dell'enogastronomia, della ristorazione, Operatori IAT e della Comunicazione Istituzionale).
Questa voce è stata pubblicata in Qualità nel Turismo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...