Il Turismo delle zone interne è un obiettivo o una conseguenza? La strategia del riflettore

11220869_10207169538069295_6123639584843420023_n

Alcuni concetti sono stati tratti dal libro: “La terra dei recinti” di M. Capalbo con riferimento al sud d’Italia. Con qualche correttivo credo si possano applicare anche alle zone interne delle Marche. 

“Per difendere e valorizzare il territorio bisogna agire su tre versanti: 1) far conoscere il territorio ai suoi abitanti, aumentando la loro consapevolezza del valore delle risorse presenti, nella convinzione che solo ciò che si conosce può essere difeso; 2) far emergere dove già esistono le iniziative imprenditoriali nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato, dell’arte, della cultura e della tecnologia al servizio di questi settori; 3) mettere in rete tutte queste realtà dando loro visibilità (sotto il riflettore) per aumentarne il potere contrattuale e competitivo e per costruire dei percorsi tematici che consentono un loro rapido sviluppo.”

“Il metodo per realizzare tutto questo è l’esatto contrario di quello che si è fatto finora. Ossia, invece di stimolare, spingere, premere, sollecitare una risposta dai territori, si sceglie la far emergere, tirar fuori, estrapolare, mettere sotto i riflettori, far venire fuori ciò che già esiste nei territori e ciò che possiede le potenzialità per esistere domani: saperi, intelligenze, risorse, culture, idee, passioni, tradizioni, arte, ecc.”

“La strategia del riflettore, quindi, si basa sulla conoscenza del territorio e sull’individuazione di quelle realtà già presenti in grado di generare valore (“la fiamma che arde”) e da queste partire per stimolare, attraverso l’esempio, la nascita di nuove realtà imprenditoriali collaterali o complementari (“il fuoco sotto la cenere”). Quali sono i passi da seguire?”

“Innanzitutto, bisogna individuare quei soggetti appassionati del proprio territorio, che credono nella radicazione tra azione umana e territorio e che spesso operano in solitudine, incapaci di poter realizzare pienamente la propria sfida imprenditoriale etica e virtuosa in uno dei settori sopra elencati.”

“In secondo luogo, bisogna farli conoscere facendoli salire sul palco illuminato dai riflettori per soffiare sul “fuoco sotto la cenere”. Questa attività è necessaria per due motivi: ridare vigore e nuova motivazione all’iniziativa imprenditoriale già in essere e dare fiducia a chi, spesso sfiduciato ed impotente, aspetta una nuova spinta per intraprendere.”

Il capo fila e l’attivatore di tutto questo processo di rinascita non può che essere l’Ente locale, garante e sostenitore del progetto di ‘rianimazione’ del territorio spesso ignaro delle sue estese potenzialità e in ogni caso responsabile delle politiche turistiche. A proposito di quest’ultime bisogna fare chiarezza sul ruolo del turismo nelle piccole comunità soprattutto dell’interno.

Fare turismo di qualità in queste località non può più essere considerato un ‘obiettivo’ strategico delle amministrazioni locali o regionali, fatto di standardizzazione e scarsa differenziazione, bensì deve essere una conseguenza dell’unicità, dell’identità e dell’autenticità dei suoi territori. Tocca ai cittadini, in particolare ai cittadini-imprenditori prendere in mano il proprio destino, rimboccarsi le maniche e fare quello che per decenni si è aspettato che altri facessero (leggi Istituzioni)    

 

Advertisements

Informazioni su ALBERTO DI CAPUA

Mi occupo di Destination Management, dalla Progettazione di Reti Turistiche pubblico/private alla formazione degli operatori (Network Manager, Operatori di strutture Extraricettive, Narratori Ospitali, Operatori IAT e della Comunicazione Istituzionale). Il Catalogo formativo di DM si può trovare qui: http://albertodicapua.wixsite.com/catalogo2016 Appassionato storyteller e copywriter gran parte della mia attività si può trovare in: https://albertodicapua.com/category/qualita-nel-turismo/ http://www.viveresenigallia.it/rubriche/netatwork Le mie competenze certificate in ambito formativo, ai sensi del DGR Marche n. 1071 del 2005, sono: 1) Individuazione dei fabbisogni 2) Progettazione formativa 3) Gestione del Processo didattico. Sono iscritto all'albo dei Collaboratori di FormezPA con il Primo livello di professionalità e con le seguenti competenze accreditate: METODI E STRUMENTI DELLA CULTURA MANAGERIALE. Gestione e sviluppo delle risorse umane, Comunicazione, Customer Satisfaction e Audit Civico FORMAZIONE Formazione e sviluppo organizzativo, analisi dei fabbisogni formativi, Progettazione formativa, Metodi e strumenti per la formazione COMUNICAZIONE Nuovi Media Ho collaborato con Cidi, Agorà, Future Consulting, Cescot e Tangherlini come progettista della formazione e come docente di Total Quality Management, Network Management e Tecniche di vendita nel Retail.
Questa voce è stata pubblicata in Eresie, L'accoglienza, Qualità nel Turismo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...