Le Stagioni di Davide

LE STAGIONIRoberto Nigro è un mio carissimo amico che conobbi quando abitavo a Castellammare. Di recente, lui si è rifatto vivo perchè voleva farmi leggere una storia che aveva scritto, anzi per essere più precisi ne aveva scritte tre in periodi diversi della sua vita e poi le aveva messe insieme.

Il nome di questa trilogia è:“Le stagioni di Davide” e narra di un Commissario di Polizia, Davide Latela, di origini meridionali, alle prese con tre diverse indagini che lo portano con un certa determinazione a risolverle sempre.

In realtà, la lettura che ho fatto di questo libro, che si legge molto velocemente perchè possiede ritmi e passaggi narrativi che difficilmente annoiano, l’ho vissuto in maniera molto diversa e forse secondo lo spirito vero dell’autore.

Il Commissario Latela, (senza andare troppo a scoprire il finale a sorpresa perché è quello che decisamente colpisce), pur andando avanti nelle sue indagini, si trova sempre a tornare indietro nella sua vita, reincontrando posti, persone, storie e situazioni che appartengono fortemente al suo passato quando viveva con i suoi genitori in un paesino sperduto del…….. (i sospensivi sono d’obbligo perchè in tutte le storie, salvo l’isola di Pantelleria, non si capisce bene di quali paesi, città e regioni si parli).

Le origini del Commissario sono estremamente solide e degne di rispetto da parte di tante persone che riconoscono in lui quello che ce l’ha fatta ad andar via dalla propria terra, studiare e diventare una persona importante, come appunto un Commissario di polizia. La cosa che fa sorridere a questo proposito è che mentre i suoi compaesani gli parlano in dialetto lui risponde sempre in perfetto e gentile italiano.

Il Commissario, comunque, è una persona generosa e molto legata ai suoi concittadini, sempre pronto a prodigarsi per loro, e quando appunto lo chiamano per qualche nodo che non riescono a sciogliere, ecco che Davide Latela subito riparte per il suo paesello con il suo borsone color “cielo d’estate”.

Il senso che ho potuto trarre da questa trilogia è che nella nostra vita capitano talvolta fatti sconvolgenti che ti consentono di riavviare la tua esistenza, facendoti accorgere che sei ancora vivo; e la cosa che ti fa scoprire questo libro è che sono sempre le tue vecchie origini a rimetterti di nuovo in cammino.

Consiglio questo libro soprattutto a quelli che hanno ‘bisticciato’ con le proprie radici spesso rinnegandole o rimuovendole deliberatamente per sempre.

Grazie Roberto

39964_1348978136283_1772430_n

Annunci

Informazioni su ALBERTO DI CAPUA

Formatore, Progettista e Facilitatore per lo Sviluppo Locale. Chi è il Facilitatore? E' quella figura professionale che cerca di favorire il raggiungimento di un accordo fra attori pubblici e privati su un determinato progetto. Per svolgere il suo compito, il professionista utilizza una “cassetta degli attrezzi” specifica per questa attività: "il metodo partecipativo". Attualmente sono Facilitatore incaricato da una rete di 7 Comuni, che si affacciano sul fiume Cesano (AN-PU), per lo Sviluppo di un progetto in ambito rurale (cd Progetto Integrato Locale).
Questa voce è stata pubblicata in Eresie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...