Identità di un territorio. Liscio e Rock’n Roll

stincoA Senigallia, venti anni fa imperversava la musica italiana e il liscio la faceva da padrone. Poi è arrivata la musica popolare americana ed è stato subito boom con il rock ‘n’ roll del Summer Jamboree. Continua a leggere

Pubblicato in L'accoglienza, Qualità nel Turismo | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

La Mobilità Amalfitana. Barca, Bus ed Asinello

AndreaCi si domanda cosa o chi identifichi un territorio, per poter essere così amato ed apprezzato, che vada oltre la sua storia, la sua arte e i suoi splendidi panorami: LA SUA GENTE. 

Un territorio orograficamente così difficile e caratterizzato da strade strette e tanto turismo deve necessariamente trovare modi diversi ed efficienti per affrontare la difficile mobilità urbana ed extraurbana della costiera amalfitana. Continua a leggere

Pubblicato in L'accoglienza, Qualità nel Turismo | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Dal Digital al Social Network Divide

alberto facilita benePartecipato dibattito a Mercatello sui Social Networks con un bel gruppetto di genitori.

Tra l’altro, si è parlato di Digital Divide, osservando che prima c’erano quelli che avevano il PC e quelli che non ce l’avevano; poi quelli che sapevano usare Internet ed inviare una mail e quelli che a stento sapevano scrivere una lettera al PC; infine, quelli che scaricano ogni App per farci mille cose (es. gli acquisti) e quelli che acquistano usando al momento solo il Bancomat.  Continua a leggere

Pubblicato in Media Education, Progetti | Contrassegnato , , , , | 1 commento

La Filosofia Greca raccontata da LUCIANO

lucianoSul comodino, tra i libri che mi fanno addormentare con un sorriso, c’è sempre stato quello della “Storia della Filosofia Greca. Da Socrate in poi

A scuola me la spiegavano anche bene ma se mi rimarrà sempre impressa è perchè l’ho letta e riletta con De Crescenzo. Lui nei libri era scanzonato come nei suoi film, raccontava i filosofi con una tale leggerezza e semplicità che anche le persone non abituate ai ragionamenti complicati dei filosofi lo capivano e si divertivano. Continua a leggere

Pubblicato in Eresie | Contrassegnato , , , , , , | 4 commenti

La Metafora del Gambero e del Grongo

Tempi duri per il gambero quando cambia il guscio! per prima cosa perde quello vecchio restando senza difesa nel tempo necessario per fabbricarne uno nuovo; e poi, nel frattempo, così fragile ed indifeso, deve guardarsi bene dal grongo che è lì che lo aspetta pronto a mangiarselo.

No, non era un convegno sulle specie ittiche quello che si è avuto il 10 maggio nella sala del Liceo Medi, ma un interessante dibattito sul tema dell'”Adolescenza. Quali Istruzioni per l’uso”, organizzato dal Comitato dei Genitori Unitario di Senigallia (COGEU). Ospiti gradite tre psicoterapeute dell’Asur, esperte in problematiche adolescenziali: Sara Rupoli, Michela Buresta ed Anna Rita Mearelli.

Il Convegno aperto a genitori, insegnanti ed educatori, ha visto la partecipazione attenta di molte persone coinvolte in questo difficile passaggio della vita dei loro ragazzi.

La metafora calzante del gambero e del grongo della psicanalista francese Françoise Dolto, spiega come nel passaggio dall’infanzia all’adolescenza si deve abbandonare il guscio protettivo familiare al fine di creare una propria identità.

Ma l’adolescente quando abbandona la protezione familiare si espone a grandi pericoli perché deve ancora costruirsi la sua nuova identità, il suo nuovo guscio. Il ‘grongo’ allora è in agguato e può assumere diverse sembianze:

1) il bambino che non vuole crescere,
2) il bambino che non accetta i cambiamenti fisiologici repentini del proprio corpo
3) l’atteggiamento del genitore che vorrebbe trattenerlo di nuovo a sè, anch’egli spaventato da quei cambiamenti.

L’adolescenza è un periodo di contrasti e contraddizioni, segnata fortemente dall’insicurezza; ma è anche un periodo ricco di energie e di aspettative e se genitori e figli hanno e si danno fiducia, il guscio si forma e la nuova identità si afferma.

MA NON FACEVI PRIMA A FARLE UNA TELEFONATA?😏

Un’altra questione critica emersa dal Convegno “Adolescenti. Istruzioni per l’uso” è stata la diffusa incorporeità delle loro relazioni.Ossia, a causa del web, essi pare siano più propensi a scambiarsi brevi messaggi con faccine e cuoricini oppure vocali anche di una certa durata, piuttosto che avere una comunicazione sincrona, facile, veloce e senza equivoci (p.es. facendo una telefonata)

Si parla in generale di relazioni sociali tradizionali in caduta libera che producono ricadute inevitabili sulla comunicazione affettiva con l’altro sesso e di conseguenza di un ritardo anche nelle relazioni intime e sessuali (addirittura si assiste ad una diminuzione delle gravidanze indesiderate).

Emblematico il video, a questo proposito, dello YouTuber Francesco Sole che racconta di quali strategie i ragazzi siano capaci pur di riuscire a rimorchiare una ragazzina carina (https://youtu.be/Or2_0_78aDU ). Non più (ahinoi!) i nostri studiati ed arditi appostamenti per cercare di catturare la sua attenzione, ma ricerche ed analisi su gusti, tendenze e comportamenti abituali della ragazzina, ricavati dal suo profilo Facebook, alla stessa stregua di scafati professionisti del marketing.

L’obiettivo è colpire nel segno, senza rischiare di subire quelle brutte delusioni che però sono talvolta necessarie per crescere ed affrontare meglio il prossimo obiettivo con più preparazione.

Pubblicato in Media Education | Contrassegnato , , , , , , | 3 commenti